Sonia Serravalli sostenitori

IO NUTRO TE E TU NUTRI ME

SOSTIENIMI E IO TI SOSTERRO’

Per tutti coloro che mi leggono da anni (o mesi), che traggono nutrimento dai miei scritti, libri, articoli, meditazioni guidate, poesie terapeutiche o video su YouTube:

c’è finalmente il modo di sostenere a distanza il mio lavoro con il valore di pochi caffè mensili allo scopo di poter continuare a creare e condividere contenuti importanti:

  • sulla relazione di coppia – che sta inevitabilmente cambiando ed evolvendo
  • sulle dinamiche del maschile umano e del Maschile sacro
  • sulle dinamiche del femminile e del Femminile sacro
  • sulle meditazioni che integrano Maschile e Femminile in noi e che guariscono
  • sull’approccio tantrico a questi temi (in primis energetico, interiore)
  • sulla riconnessione a Madre Terra
  • sull’esperienza di Fiamma gemella

e tanto altro.

Scopri qui i vantaggi che ti riserva il diventare mio sostenitore o mia sostenitrice su Patreon: https://www.patreon.com/soniaserravalli

Se desideri altro, contattami direttamente, sono a disposizione.

Il mondo potrà cambiare soltanto mettendoci a disposizione degli altri, ascoltandoci, lavorando dentro di noi, disinnescando le vecchie dinamiche di competizione e conflitto e sostenendoci a vicenda.

Grazie, grazie, grazie di cuore a te che mi leggi e a tutti coloro che entreranno a far parte del mio “clan” su Patreon.

Tanto amore a tutti.

Sonia Serravalli

STORIELLA SULLA CONDIVISIONE

INFERNO E PARADISO

Un sant’uomo ebbe un giorno da conversare con Dio e gli chiese:
Signore, mi piacerebbe sapere come sono il Paradiso e l’Inferno.
Dio condusse il sant’uomo verso due porte.
Aprì una delle due e gli permise di guardare all’interno.
Al centro della stanza, c’era una grandissima tavola rotonda.
Al centro della tavola, si trovava un grandissimo recipiente contenente  cibo  dal profumo delizioso.
 
Il sant’uomo sentì l’acquolina in bocca.
Le persone sedute attorno al tavolo erano magre, dall’aspetto livido e malato.
Avevano tutti l’aria affamata.
Avevano dei cucchiai dai manici lunghissimi, attaccati alle loro braccia.
Tutti potevano raggiungere il piatto di cibo e raccoglierne un po’, ma  poiché il manico del cucchiaio era più lungo del loro braccio, non potevano accostare il cibo alla bocca.
Il sant’uomo tremò alla vista della loro miseria e delle loro sofferenze.
Dio disse: “Hai appena visto l’Inferno”.
Dio e l’uomo si diressero verso la seconda porta. Dio l’aprì.
 

La scena che l’uomo vide era identica alla precedente.
C’era la grande tavola rotonda, il recipiente che gli fece venire  l’acquolina.
Le persone intorno alla tavola avevano anch’esse i cucchiai dai lunghi manici.
Questa volta, però, le persone erano ben nutrite e felici e conversavano  tra di loro sorridendo.

Dio disse: “Ed ecco il Paradiso…”.
Il sant’uomo disse a Dio: “Non capisco!”
E’ semplice, rispose Dio, dipende solo da un’abilità.
Essi hanno appreso a nutrire gli uni gli altri mentre gli altri non  pensano che a loro stessi…

Inferno e Paradiso sono uguali nella struttura…. La differenza la fa ognuno di noi con il nostro comportamento e approccio.


I NUOVI LIBRI DI SONIA SERRAVALLI

         

CONSULENZA per persone in sofferenza (COUNSELING DEL CUORE)

Se ti piace quello che leggi qui o nei miei libri, VEDI COME SOSTENERE IL MIO LAVORO SU PATREON

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *