amore consapevole

FARE SESSO E FARE L’AMORE

QUALCHE DIFFERENZA TRA LE DUE ESPERIENZE


Fare sesso è un’esperienza liberatoria, un modo per conoscere il proprio corpo, un modo per avvicinarsi parzialmente all’altro/a, un modo per soddisfare uno degli appetiti più forti, se non il più forte, del mondo. A volte, purtroppo, solo un’esperienza meccanica e genitale.

Fare l’amore è tutto questo più: esperienza mistica, fusione con l’altro, danza libera, creatività pura, apertura del cuore e di (a volte) tutti i chakra, resa e perdita di coscienza momentanea, fiducia totale nell’altro/a e nella vita… e tanto altro.

Condivido qui sotto un articolo su questo tema che ho tradotto per voi.

Traduzione dell’articolo di Freya Watson, insegnante e autrice (originale qui):

amore e intimità
Foto di GrumpyBeere

FARE SESSO

Fare sesso è piacevole.

Nella migliore delle ipotesi, è liberatorio, espressivo, creativo, rinvigorente e antistress.

A volte è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno.

Esplorare e integrare la nostra sessualità naturale è una parte essenziale della maturazione.

Ma che dire di quel desiderio più profondo del cuore e dell’anima?

Che dire del desiderio di fondersi con un altro essere fisico in un modo da portare lo Spirito attraverso il corpo? Che ne dici del fare l’amore?

“Si muovono molto lentamente adesso, lui appoggiato con le braccia sopra di lei, gli occhi fissati in un’intensità che cancella tutto oltre il momento, entrambi arresi a un Tutto più grande.

I loro movimenti emergono e recedono con perfetta unità.

Lei non riesce più a capire dove lei finisce e lui inizia, se le onde di beatitudine che la travolgono siano le sue o quelle di lui.Non c’è più un “di lui” o “di lei”: c’è solo Questo”.

~ Da “The Beautiful Garden” di Freya Watson

amore e sesso
Opera in Pinterest

FARE L’AMORE

Il paragrafo qui sopra ha avuto una varietà di risposte da parte dei lettori dal momento in cui l’ho scritto per la prima volta: dalla totale incredulità che potesse essere basato su un’esperienza reale, alla gratitudine per aver trovato le parole per esprimere un territorio che è quasi indescrivibile.

Un tema comune nelle risposte, tuttavia, è stato un malinconico: “Vorrei essere io”. E per due decenni sono stata anche io una di quelli che desideravano un’esperienza del genere, liquidandola allo stesso tempo come pura fantasia, una creazione da romanzi rosa e sceneggiatori di Hollywood.

Ora, però, so che è reale e disponibile ogni volta che ci metto la mente e il cuore, presupponendo ovviamente la disponibilità di un partner disponibile e compatibile!

E se dovessi scomporlo in pochi passi che un “me” più giovane potrebbe seguire, sarebbe qualcosa del genere…

(Leggi anche: “Sessualità sacra”)

APRIRE IL CUORE

Apri il cuore, usando qualunque cosa funzioni a questo scopo.

Questa può essere la cosa più naturale del mondo in una bella giornata o nelle prime fasi dell’amore romantico. Ma può anche essere una cosa molto difficile da fare in altri momenti in cui siamo alle prese con lo stress o la tensione relazionale.

Spesso qualcosa di semplice che ci commuove profondamente può funzionare, come un brano musicale preferito.

Lo stesso vale per la condivisione dell’intimità non sessuale: stare sdraiati vicini; una semplice cerimonia d’onore in cui vi lavate le mani e i piedi a vicenda; o seduti completamente vestiti nella posizione yab-yum (la donna sulle ginocchia dell’uomo, le gambe avvolte attorno ai suoi fianchi), che aiuta ad allineare i nostri centri energetici con quelli del nostro partner.

amore e sesso

E nei momenti in cui ci sembra difficile farlo, usare il supporto di discipline basate sul Tantra e di varie meditazioni centrate sul cuore può riportarci al cuore. Rallenta tutto.

A volte il sesso può sembrare come se ci fosse un obiettivo, e l’orgasmo è il risultato finale. E prima ci arrivi, meglio è! Ma fare l’amore è più una forma d’arte creativa che una gara, da praticare e assaporare.

Più amore viene generato, sentito e condiviso, meglio è e meglio stiamo, indipendentemente dall’orgasmo.

Rallentandolo, puoi esplorare completamente ogni sensazione, ogni angolo (emotivamente e fisicamente).

Puoi concentrarti sull’amore che condividi piuttosto che sul raggiungimento di un obiettivo particolare.

Se la risposta genitale diventa eccessivamente forte, rallentala ulteriormente utilizzando lunghe e lente inspirazioni del respiro per attirare l’energia dai chakra inferiori al cuore (e oltre).

L’intenzione focalizzata può aiutarti a dirigere l’energia attraverso il tuo cuore e in qualsiasi altra parte del corpo che ritieni giusta, e verso il tuo partner.

energia chakra cuore
Immagine da Pinterest

RIMANI PRESENTE

È impossibile impegnarsi pienamente con noi stessi, figuriamoci con gli altri, senza essere completamente presenti.

Soprattutto per le coppie che stanno insieme da molto tempo, può essere così facile trasportare i pensieri e le distrazioni della vita nella zona dell’intimità. Forse un buon aiuto per una relazione a lungo termine sarebbe un quaderno, una penna e un piccolo cestino fuori dalla camera da letto di ogni coppia, con l’istruzione di scrivere le nostre preoccupazioni e gettarle nel cestino prima di varcare la porta.

Rimanere connessi al respiro e alle sensazioni del corpo, invece di concentrarsi sui nostri pensieri, fornisce un’ancora nel momento. poiché né il respiro né il corpo possono vagare fuori dal presente come fa la mente.

Mantenere il contatto visivo con il nostro partner, tuttavia, è uno dei modi più belli e intensi per rimanere presenti quando facciamo l’amore e mantiene una forte corrente di energia che scorre tra noi e il nostro partner.

Prova a mantenere quello sguardo durante l’orgasmo per avere un’idea di quanto potente può essere una connessione oculare.

incontro tra anime gemelle

USA TUTTO IL CORPO

Fare l’amore è un’esperienza per tutto il corpo piuttosto che essere semplicemente focalizzati sui genitali: rendere tutto il nostro corpo uno strumento di espressione amorevole e condividere sensualmente tutto noi stessi con la totalità del nostro partner.

È profondamente auto espressivo.

Più ci connettiamo con il nostro corpo, più espressione possiamo dare al modo in cui facciamo l’amore con un altro.

Sentire la nostra strada attraverso l’esperienza, piuttosto che pensarci, ci guida naturalmente nell’esplorare nuovi modi di muoverci, toccare e condividere.

È uno dei rari momenti in cui due esseri umani riescono a interagire senza confini creati dall’esterno e può essere l’esperienza creativa definitiva se ci apriamo ad essa, come un’intima danza a forma libera al ritmo di una melodia silenziosa.

Più ci esercitiamo a fare l’amore – lentamente, deliberatamente, con piena attenzione – più diventiamo sensibili al flusso di energia all’interno dei nostri corpi e più facile troviamo aprirci, non solo a un partner intimo, ma alla vita in generale.

Anche senza alcuna intenzione di condivisione sessuale, questi elementi possono costituire la base per qualunque modo creativo in cui vorremmo fare l’amore con qualcuno o con qualcosa nel nostro mondo.

– Traduzione dell’articolo di Freya Watson, insegnante e autrice (originale qui).


Il mio mestiere è esplorare, informare, amare e trasformare i problemi in viaggi interiori e le crisi in opportunità.

 autrice Sonia Serravalli
Visite: 777

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *