tantra

ESERCIZI DI SESSUALITA’ SACRA

SESSUALITA’ SACRA PRATICA

Questo articolo fa seguito a questo importante articolo sulla Sessualità sacra – che consiglio di leggere preventivamente prima di proseguire.

 —– (Fai un passo alla volta e leggilo – Fai un passo alla volta e medita – Fai un passo alla volta e ama prima te stesso – Fai un passo alla volta e conosci te stesso…) —–


Ciò che segue fa parte del mio libro IL MASCHILE SACRO, in uscita a giorni. Ed è un brano che mi è stato richiesto, in quanto si è diffusa un po’ di teoria sull’argomento Sessualità sacra negli ultimi anni, ma quasi sempre mancano indicazioni pratiche.

Queste conoscenze di solito vengono trasmesse solo in circoli esoterici privati, in scuole di Tantra e a persone che hanno già superato diverse fasi del lavoro su di sé prima di accedere a questi passi preziosi, davvero preziosi. (Articolo La Visione Tantrica QUI).

Io sono d’accordo con questa riservatezza.

Ma credo anche che UN RISVEGLIO sia urgente, che Madre Terra ce lo stia sollecitando in tutti i modi e che di conseguenza sia molto importante, in un momento così, entrare nel proprio massimo potere, trascendere la personalità che crediamo di essere, accedere con un salto coraggioso  ad un livello avanzato di coscienza spirituale e iniziare ad usarlo.

Non pubblicizzerò né diffonderò questo articolo come gli altri. Mi limiterò a pubblicarlo qui, affinché chi è pronto lo possa trovare.

Naturalmente, anche questo è solo una parte di ciò che potremmo fare.

Mi metto umilmente al servizio di ciò che posso condividere. Grazie per la vostra presenza.

sessualità sacra pratica
Foto di Jan Steiner

ESERCIZI DI SESSUALITA’ SACRA

Dobbiamo renderci conto che siamo esseri sessuali. Che non è possibile disconnetterci dalla sessualità e che se continuiamo a mantenere un tabù sulla sessualità in genere, continuiamo a comprimere un vulcano attivo, che distruggerà tutto (fisicamente, emotivamente, psichicamente).

Gli esercizi di Sessualità sacra sono tanti e sono “sacri” in sé, per cui, per un’approfondita conoscenza, io rimanderei ad un intero corso di Tantra.

In ogni caso, visto che l’epoca lo richiede, è anche il momento di divulgare conoscenze che per millenni sono state conservate solo per gli “iniziati” e i ricercatori spirituali, per metterle oggi a disposizione di tutti coloro che vorranno contribuire al benessere della Terra. E ad un tempo diverso, un tempo di uomini realizzati in tutta la loro sacralità, di fronte a donne realizzate in tutta la loro sacralità.

Prima di tutto, la sessualità praticata consapevolmente si chiama generalmente “sacra” proprio perché fa parte integrante di un percorso spirituale. Ma la sessualità dovrebbe fare parte della spiritualità per ogni singolo individuo. Perché tale è, se la conosciamo e la usiamo appropriatamente.

Gli esercizi di Sessualità sacra sfruttano il desiderio sessuale come ponte, per realizzare gli obiettivi desiderati. Naturalmente, in due gli esercizi sono potenziati (se entrambe le persone sono consapevoli e in cammino), ma gli stessi esercizi sono molto efficaci anche se svolti da soli. Si sfrutta cioè la potenza dell’energia più forte e più creativa in natura, di conseguenza questa pratica è come una meditazione potenziata.

In coppia, praticare una sessualità che sia spirituale, nel senso di misurata sulla frequenza dell’amore, richiede l’accordarsi perfettamente, come si fosse uno strumento, sulle onde dei bisogni e delle sensazioni dell’altro/a. L’entrare in silenzio sulle sue frequenze, attraverso il respiro, il movimento e l’empatia. L’armonia. È in questo modo che si crea un linguaggio che va oltre le parole. E una danza che verrà del tutto spontanea, perché essa sa dirigersi da sola, senza nessun coinvolgimento mentale da parte dei due partecipanti.

Accordarsi sull’altro/a significa anche non forzare niente, mai, in nessun caso, neanche a livello di micro-resistenze. La stessa cosa vale nei confronti di parti di noi di cui a volte non ascoltiamo la voce, perché sentiamo solo la voce più grossa. Abitudine che dovrebbe essere applicata in realtà in ciascun minuto della nostra giornata. Tramite l’ascolto (ovviamente in senso lato, non uditivo).

Durante una sessualità realizzata, allineata con l’amore, come appena descritto, sacra, i nostri chakra si riallineano e si sbloccano, tornano a girare in maniera spontanea e salutare. Allo stesso modo, durante una sessualità consapevole e basata su questa intimità, i chakra nostri entreranno in contatto con i chakra dell’altro/ e lì avviene una potente comunicazione subliminale.

Durante la pratica sessuale di coppia o da soli, nel proprio intimo, è importante comprendere che il tipo di pensieri e visioni che produciamo ha un grande valore sul piano energetico. Il primo passo, dunque, sarebbe quello di “sanare” eventuali visioni violente e imparare a provare un piacere sessuale intenso anche agganciandosi a una visione amorevole. A proprio piacimento.

Poi, nel momento del crescere del desiderio, possiamo già iniziare a rivolgere la nostra attenzione al nostro obiettivo, visualizzandolo (per esempio il benessere di una persona cara, il benessere della natura, o un sogno personale che giovi e noi e agli altri). Se questo shift di visione spegne il nostro desiderio, va bene continuare a immaginare ciò che si vuole. Possibilmente, come dicevo, evitando idee di violenze o soprusi.

Poi, possiamo fare due cose.

  • Nel momento in cui parte l’orgasmo, quando si sente che non si può più tornare indietro, allora sì, spostare repentinamente tutta la nostra attenzione alla visione di ciò che vogliamo ottenere. La casa che desideriamo, il tipo di relazione che desideriamo, il bene dei nostri cari, la guarigione di qualcuno che ci sta a cuore, la rigenerazione dei boschi e della natura… eccetera.
  • Oppure, evitare l’orgasmo e rimanere in questo desiderio massimo iniziando a meditare. Poi, attuare la visualizzazione esattamente come descritta nel passo precedente.

In tutti i casi, è sempre importante che la visualizzazione sia quella dell’obiettivo già raggiunto, della persona già guarita, della casa già nostra, del lavoro già ottenuto, degli alberi già ricresciuti, dei mari già trasparenti, eccetera, eccetera.

Molti artisti usano questo tipo di metodo (il secondo) prima di una loro performance. La carica del desiderio sessuale amplifica la potenza della loro presenza e della loro creazione.

Tantra ed esercizi

Vedi anche le pratiche per il risveglio della Kundalini.

Un altro esercizio è quello di ascoltare bene il proprio desiderio sessuale, sentire proprio a fondo ogni movimento che avviene a livello del primo chakra (osso sacro e nostri organi genitali) e, quando siamo in pieno contatto con quel tipo di forza e di calore, “respirarlo” con due potenti inalazioni, immaginando che quella forza arrivi al nostro cuore e ci riempia il torace della sua luce e potenza.

Ricordalo sempre: si tratta della forma di energia più potente nell’universo. Il suo potere trasformativo, anche rispetto ad altre pratiche, è estremo. Per questo va usato con cautela e cognizione di causa. E sempre per un fine benefico, per noi e per gli altri o, come in tutte le cose, il danno che facciamo all’altro ci torna indietro in qualche forma. Perché così è la natura delle energie naturali.

Altri esercizi di movimentazione e canalizzazione verso uno scopo dell’energia sessuale si possono fare con determinate meditazioni. In particolare, con quelle che coinvolgono il nostro lui e la nostra lei interiori. Se viene meglio, sottoforma di un uomo o di una donna, oppure di un dio e di una dea (ad esempio la tipica coppia divina Shiva e Shakti), immaginandoli che copulano in noi e attraverso di noi.

Ma questi sono esercizi che, per chi non è pratico, andrebbero guidati, e per questo ti rimando al mio canale di YouTube o ai miei seminari sull’integrazione di Maschile e Femminile.

Brano tratto da IL MASCHILE SACRO di Sonia Serravalli

In uscita aprile 2020


⇒ ⇒ ⇒ I MIEI LIBRI

Sonia SerravalliARMONIZZAZIONE DELL’ANIMA

Il mio canale YouTube

Se ti piace quello che leggi qui o nei miei libri, VEDI COME SOSTENERE IL MIO LAVORO SU PATREON

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *