Il coraggio di un uomo

IL CORAGGIO DI UN UOMO

IL GRANDE ESEMPIO DI PIETRO

Ho il piacere e l’onore di pubblicare qui lo scritto di una grande anima, Pietro Passarella, che il cielo ha richiamato a sé l’anno scorso, ma non prima che ci lasciasse questa preziosa traccia per vivere davvero.

Introduzione e ultime righe di Dana La Porta, fantastica attrice e doppiatrice di Roma e cara amica, che a queste parole ha prestato la sua voce e la sua interpretazione (video sotto, testo scritto e poi nel link recitato).

il coraggio di un uomo
Foto dal web

Pietro studiava Matematica a Padova. Molto sportivo, amava il nuoto, l’apnea, il trekking, l’arrampicata, la bici.

Avrebbe preso la cintura nera di Judo se non avesse dovuto fare rientro alla Luce prima dell’esame, cintura che poi gli è stata conferita ad honorem. Amava tanto anche la musica, aveva suonato il pianoforte, il basso, la chitarra elettrica e negli ultimi tempi componeva musica elettronica. Fidanzato e innamorato.

Due anni prima di andarsene (2019), durante un seminario intensivo di crescita personale, scrive:

 

“Un’immagine mi è arrivata, verso la fine della diade, ma non riesco ancora a collegarla, mi fa stare bene comunque, è molto rilassante e piacevole.
In questa diade mi sono sentito rivoltato come un pantalone che esce dalla lavatrice: senza macchie, pulito e splendente, ma che ha bisogno di un po’ di tempo per prendere la piega e asciugarsi.

Emerge il CORAGGIO:

– il coraggio di essere me stesso
– il coraggio di agire nonostante le mie paure
– il coraggio di dedicarmi alla mia passione per la musica
– il coraggio di mostrarmi debole
– il coraggio di accendere la mia candela
– il coraggio di buttarmi
– il coraggio di fare una battuta
– il coraggio di ridere
– il coraggio di fare un complimento sincero
– il coraggio di abbracciare una persona a cui voglio bene
– il coraggio di baciare una persona che amo
– il coraggio di fare l’amore e non fare sesso
– il coraggio di dire la verità anche se fa male
– il coraggio di avvicinarmi alla mia famiglia e ai miei genitori
– il coraggio di avere fiducia
– il coraggio di rendermi conto che nonostante tutto le persone che scelgono di restarmi vicino vuol dire che a me tengono
– il coraggio di aprire gli occhi e guardare la realtà
– il coraggio di brillare
– il coraggio di cantare, di gridare, di ballare
– il coraggio di correre
– il coraggio di alzarmi a testa alta e camminare
– il coraggio di vivere la MIA vita
– il coraggio di essere forte
– il coraggio di essere coraggioso
– il coraggio di essere leale
– il coraggio di essere sincero, con gli altri così come con me stesso
– il coraggio di non cedere alle tentazioni
– il coraggio di essere folle
– il coraggio di fare una scelta pensando “vediamo cosa succede”
– il coraggio di impazzire intorno a sobrie, omologate, spente persone perbene
– il coraggio di alzarmi presto per vedere l’alba
– il coraggio di realizzare durante la giornata lo scopo che mi ero prefissato la mattina
– il coraggio di sorridere anche se sono morto dentro, ma di saper comunicare la mia tristezza
– il coraggio di chiedere aiuto
– il coraggio di impegnarmi
– il coraggio di piangere
– il coraggio di dire “io ce la faccio” e farcela per davvero
– il coraggio di dare spazio ai miei amici
– il coraggio di prendermi il mio spazio con i miei amici
– il coraggio di amare e di essere amato
– il coraggio di rispettare e di essere rispettato
– il coraggio di ascoltare con tutto me stesso fino a comprendere
– il coraggio di spingere chi non riesce più a proseguire con le proprie forze
– il coraggio di guardare le stelle insieme
– il coraggio di gettarmi a capofitto in un’impresa impossibile
– il coraggio di cambiare gli schemi
– il coraggio di essere diverso
– il coraggio di gettare le fondamenta per rinascere
– il coraggio di essere spontaneo
– il coraggio di essere ingenuo
– il coraggio di vincere la timidezza
– il coraggio di non aver paura del buio, perché dietro al buio c’è lo stesso mondo, solo con la luce spenta
– il coraggio di vibrare del mio suono e di splendere della mia luce
– il coraggio di contare fino a dieci
– il coraggio di togliermi le scarpe e andare avanti scalzo
– il coraggio di rialzarmi una volta in più delle volte che cado
– il coraggio di correre felice sotto alla pioggia
– il coraggio di sorridere
– il coraggio di avere voglia di volare, e non paura di cadere
– il coraggio di staccare tutto
– il coraggio di andarmene
– il coraggio di stravolgere la situazione
– il coraggio di stare da solo
– il coraggio di dire di NO!
– il coraggio di aprirsi
– il coraggio di colpire
– il mio Coraggio!”

Che Pietro possa reincarnare il suggerimento più prezioso di cui la vita umana necessita.
Che attraverso la condivisione e l’invito ad essa, io possa essere ponte fedele per il suo viaggio tra i mondi adesso che il suo Coraggio scorre anche nelle mie vene.

Con affetto e fratellanza,

Dana La Porta

Visite: 1029

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *