patriarcato dolore

L’UOMO VITTIMA DEL PATRIARCATO

RICONOSCERE E SUPERARE IL TRAUMA MASCHILE DEL PATRIARCATO

Traduzione di un articolo di Diana Beaulieu

“Il patriarcato è dannoso sia per gli uomini che per le donne.

Mentre ci svegliamo a livello individuale e collettivo e le vecchie strutture e paradigmi che hanno dominato il nostro mondo iniziano a crollare, abbiamo un’opportunità senza precedenti di avere una visione d’occhio della condizione umana e valutare le forze sottostanti che ci hanno plasmato nella nostra attuale disconnessione dalla Terra e tra di noi.

Questa visione ampliata ci offre potenti strumenti e prospettive per la nostra guarigione.

Mentre i traumi subiti dalle donne e dal femminile durante il nostro recente passato sono stati chiaramente riconosciuti e descritti, la sofferenza degli uomini e del maschile è rimasta più invisibile.

È tempo di far luce su questo in modo che gli uomini possano andare avanti e recuperare la loro luce divina maschile.

consapevolezza maschile

IL PREDOMINIO DEL PATRIARCATO

Una definizione comune di patriarcato è “un sistema di strutture sociali interconnesse che consentono agli uomini di sfruttare le donne”.

I sistemi sociali patriarcali sono presenti in Asia e in Europa da oltre 6.000 anni e molte altre parti del mondo hanno adottato sistemi di governo patriarcali attraverso l’invasione e l’imperialismo.

Lo sfruttamento sessuale storico e l’oppressione politica delle donne all’interno del patriarcato sono stati l’obiettivo chiave del movimento delle donne […]. Questo sta creando un’eredità di donne potenti che stanno abbracciando i loro doni spirituali e stanno diventando leader nel risveglio e nel cambiamento. Ma molte di queste donne sono consapevoli che i loro uomini “non si sono ancora svegliati” e vorrei esplorare perché gli uomini potrebbero avere difficoltà a svegliarsi – e credo che questo sia dovuto a un trauma patriarcale non riconosciuto, che gli uomini sopportano a livello collettivo e generazionale.

L’UOMO VITTIMA DEL PATRIARCATO

Nel sistema del patriarcato, gli uomini sono stati apparentemente “in cima”, con maggiori diritti legali, poteri politici e controllo sulle loro donne e bambini, quindi è facile associare l’ordine patriarcale a un sistema sociale che ha realmente beneficiato gli uomini a tutti i livelli.

Tuttavia, la realtà del patriarcato è che anche gli uomini sono stati traumatizzati, oppressi e sfruttati, ma in modi ampiamente diversi.

Se guardiamo alla storia del mondo, la grande maggioranza degli uomini è stata soggetta a molteplici livelli di trauma e oppressione – che includono l’essere costretti in schiavitù o alla servitù della gleba, essere disconnessi dalle loro terre ancestrali, essere costretti a combattere in guerre violente e sanguinose –per nominare solo alcuni esempi.

In effetti, la natura stessa del patriarcato è che ha avvantaggiato solo pochissimi uomini in posizioni di leadership e di potere ampiamente diseguali, generalmente uomini che rappresentano una versione profondamente distorta della mascolinità che basa il suo potere sulla spietatezza, l’avidità e la violenza.

Ci sono tre aree chiave del trauma patriarcale negli uomini su cui vorrei attirare l’attenzione: privazione dei diritti civili, guerra e schiavitù.

PRIVAZIONE DEL DIRITTO DI VOTO

Praticamente tutti gli uomini hanno subito il trauma della “privazione di diritti fondamentali”, che definirei deprivata di una relazione fondamentale con l’ordine naturale, compreso il proprio collegamento con la Terra, e del diritto di autogoverno come essere sovrano.

Il trauma della privazione dei diritti civili è particolarmente evidente negli uomini di culture che sono state più recentemente private della loro terra e del loro patrimonio culturale, come le comunità native del Nord America e dell’Australia. Tuttavia, si può sostenere che a causa di ripetute invasioni e guerre nel corso di migliaia di anni, la privazione dei diritti degli sfollati sia avvenuta molto prima per gli uomini europei. Sono questi stessi uomini occidentali che hanno forgiato l’imperialismo e il colonialismo, proiettando e replicando così i loro traumi non riconosciuti da privazione dei diritti civili su coloro che godevano ancora di un legame sovrano con la Terra.

Ora il trauma della privazione dei diritti civili sta raggiungendo il culmine, con le ondate di migrazione forzata che inondano il nostro mondo, poiché sempre meno luoghi sulla Terra sono sicuri dal punto di vista politico o abitabili e produttivi dal punto di vista ecologico. Il trauma della privazione dei diritti civili è la perdita dell’appartenenza alla Terra, insieme alla cultura, ai valori, alle cerimonie e alle pratiche che ci legano in un amorevole legame con nostra Madre. Questa perdita di appartenenza crea il trauma della paura per la sopravvivenza, paradigma in cui non si può contare sulle basi della vita (terra, acqua, cibo) e bisogna lavorare per sopravvivere.

La privazione dei diritti civili è una ferita profonda per l’uomo, che ha bisogno di essere in una relazione di fiducia e tenerezza con il femminile (attraverso la Terra in questo caso) per sentire la sua identità fondamentale, il suo radicamento e la sua appartenenza alla vita.

uomini e dolore
Foto di Emmanuel Mendez

GUERRA

Generazioni di uomini hanno sofferto in prima linea in guerra. Non combattendo per i propri diritti sovrani a livello individuale o addirittura comunitario, ma come schiavi-soldati obbligati a combattere per una classe politica gerarchica senza poter mettere in discussione la giustezza della guerra e della battaglia stesse.

Per fare l’esempio della sola Europa occidentale, negli ultimi 7000 anni nell’Europa occidentale la guerra è stata quasi ininterrotta. Ci sono violente invasioni di terra e di confine, guerre di confine, guerre per la costruzione di imperi, resistenze armate e, più recentemente, le nostre guerre mondiali. La prima guerra mondiale da sola ha derubato l’Europa occidentale di una generazione di giovani, che sono stati brutalmente arruolati e, in alcuni casi, costretti a continuare a combattere nonostante livelli incredibili di trauma psicologico. Gli effetti fisici ed emotivi di ripetute guerre forzate sono difficili da comprendere per coloro che non l’hanno sperimentato in prima persona. Nella società contemporanea stiamo ora riconoscendo gli effetti post-traumatici del combattimento armato, ma per migliaia di anni questo tipo di trauma non è stato riconosciuto o trattato.

Questo si accumula e si trasmette lungo le linee genetiche e ancestrali maschili in modo che gli uomini che non sono stati effettivamente soggetti a una guerra nel corso della loro vita stanno ancora portando il peso di questo trauma trasmesso loro dai loro padri e nonni.

Questa costrizione alla violenza ferisce profondamente il maschile, che nella sua natura divina e nella sua matura energia guerriera, desidera proteggere e provvedere alla sua comunità umana. La violenza ripetuta, al di là delle cicatrici fisiche che lascia, crea profonde fratture a livello energetico ed emotivo e costringe l’uomo a dissociarsi dalla sua profonda natura emotiva per sopravvivere.

SCHIAVITU’

Uomini, donne e bambini sono stati ridotti in schiavitù all’interno di molte culture, regioni geografiche e linee temporali.

All’inizio del diciannovesimo secolo si stima che circa tre quarti di tutte le persone in vita erano intrappolate in prigionia contro la loro volontà, in qualche forma di schiavitù o di servitù della gleba.

Sebbene la schiavitù non sia più legale, la tratta di esseri umani rimane un problema internazionale e si stima che circa 25-40 milioni di uomini, donne e bambini siano oggi ridotti in schiavitù (data l’entità della corruzione che consente reti di traffico illegale di esseri umani, questa stima è probabilmente molto bassa).

La schiavitù è viva e vegeta in altre forme più sottili, inclusa la schiavitù per debito (il debito portato dagli individui attraverso mutui e altri debiti è alla base di molte economie avanzate) e l’impatto della nostra schiavitù storica e attuale è profondo e multistrato.

Storicamente, gli uomini hanno portato il peso della schiavitù economica nelle sue forme palesi e sottili e spesso hanno sopportato in silenzio la frustrazione di essere incatenati a lavori, aziende, debiti e altre pressioni che li privano del tempo e della libertà di esprimere se stessi e il proprio spirito in modi più gioiosi e autentici.

Mentre nelle società patriarcali gli uomini possono aver “dominato” sulle donne, la grande maggioranza di loro ha dovuto servire un “signore” più in alto attraverso fedeltà e diversi tipi di lavoro vincolato.

Il trauma della schiavitù ha derubato l’uomo del suo sentimento di sovranità, autostima e libertà potenziata. Ha anche creato un profondo senso di essere intrappolato, obbligato a lavorare per il profitto di un altro uomo fino alla fine dei suoi giorni o fino a quando non potrà comprarsi la libertà. Questo crea un profondo senso di vergogna e frustrazione infinita.

uomini e sovranità
Foto di Gina Janosch

COME SI MANIFESTA IL TRAUMA PATRIARCALE MASCHILE

Il trauma patriarcale giace nel profondo della grande maggioranza degli uomini viventi oggi.

Queste cicatrici sono profonde e sono collettive, multigenerazionali ed esistono persino attraverso impronte di vite passate. Per trauma multigenerazionale intendo un trauma ereditario che potrebbe essere ereditato geneticamente ed emotivamente attraverso modelli comportamentali da padre in figlio, andando indietro fino agli antenati.

Per trauma della vita passata intendo un trauma che per qualche ragione è stato portato a livello dell’anima, in modo che gli effetti di quel trauma in altre vite siano ancora presenti in una persona a livello fisico ed emotivo ora. Questo fenomeno può essere meglio conosciuto dai guaritori spirituali e dagli sciamani, ma è molto reale.

Ho incontrato molti uomini che conservano le cicatrici delle loro vite passate nei loro corpi e iniziano a guarire solo quando questi strati si energizzano e vengono guariti.

NEGAZIONE EMOTIVA, DISSOCIAZIONE E CONFUSIONE

Il trauma che gli uomini portano è spesso così profondo da non essere visibile. Dato che per gli uomini l’espressione emotiva e la condivisione possono essere associate alla debolezza e che la repressione emotiva è insita come norma sociale in molte culture patriarcali, fare il primo passo per ammettere che c’è un trauma in primo luogo è difficile. Molti uomini non si rendono nemmeno conto di avere un problema.

Dal momento che la loro negazione e soppressione emotiva sono state normalizzate e nessuno se ne accorge, gli uomini possono avere difficoltà a portare la consapevolezza necessaria ai loro traumi emotivi. Questo può portare a confusione – in particolare per gli uomini che sono diventati “di successo” a livello materiale e che “hanno tutto” – eppure sentono il vuoto, la solitudine e la disconnessione al loro interno, che sono sintomatici del loro trauma non riconosciuto.

COMPENSAZIONE

L’uomo traumatizzato, spinto dal suo dolore trattenuto inconsciamente e dall’inesplicabile sensazione di sradicamento, vuoto e vergogna, sembrerà aggravare la sua rimozione e troverà conforto nelle dipendenze. Queste includono sesso, alcol, droghe e altri effetti che riempiono momentaneamente le lacune e il vuoto creati dal trauma.

Un uomo inconsciamente traumatizzato può anche essere ossessionato dalla ricchezza e dall’accumulo materiale, che sono modi ovvi per sentirsi al sicuro e potente e aiutano a proteggerlo dai suoi sentimenti di insicurezza e sradicamento.

Tuttavia, un’altra ricerca più sottile che il trauma può causare è quella dello status e del riconoscimento in sfere quali il mondo accademico e politico e altre sfere professionali altamente competitive.

“Il lupo di Wall Street”, il libro di memorie di Jordan Belfort, è un meraviglioso esempio di tre compensazioni del trauma sopra menzionate portate all’estremo – e tutti noi possiamo citare esempi visibili di uomini traumatizzati che si nascondono dietro le loro dipendenze, il loro status e la loro ricchezza.

PROIEZIONE EMOTIVA

La forza e la coercizione degli uomini alla violenza e alla schiavitù hanno portato a sentimenti profondi di inadeguatezza, colpa e vergogna che a malapena possono essere riconosciuti, tanto sono dolorosi.

Questo porta al sintomo successivo: rabbia, furia e proiezione. L’uomo traumatizzato può proiettarle all’esterno attraverso mezzi ovvi, quali incolpare e svergognare coloro che lo circondano, o giustificare la propria violenza, violenza sessuale e abusi.

La proiezione protegge l’uomo dal dolore nel profondo del proprio centro emotivo e si concentra sul mondo esterno dei suoi compagni di lavoro, capo, partner e figli che devono portare la colpa. Questi comportamenti aggravano il suo isolamento e spingono più a fondo in lui senso di colpa e vergogna. Lo stupratore e il violentatore domestico sono due tragici esempi dell’uomo proiettato che sta trasferendo il suo trauma alla donna (o al femminile) in modo che lei sia obbligata a portare il trauma per lui e con lui. Ha dimenticato che il suo vero archetipo è proteggere e guarire il femminile e si è disconnesso così profondamente dal proprio sentimento di sacralità che non riesce più a percepirlo nelle donne.

COME GLI UOMINI POSSONO AIUTARE SE STESSI

POSSEDERE IL TRAUMA

Una delle cose più potenti che un uomo possa mai fare è alzarsi in piedi e ammettere di essere a pezzi.

Questo passaggio è esemplificato da James Greenshields, un soldato australiano affetto da disturbo da stress post-traumatico, la cui vita familiare stava andando in pezzi, che alla fine ha rotto il suo guscio di repressione emotiva maschile e orgoglio ammettendo che non poteva funzionare. Da lì ha guarito se stesso e ora ha spazio per la guarigione di altri uomini.

Gli uomini di tutto il mondo hanno bisogno di rompere il vecchio condizionamento del “i ragazzi non piangono” e mantenere uno spazio per se stessi, per sentire profondamente ciò che stanno trattenendo. Hanno bisogno del permesso di crollare in modo da poter sfondare il muro ed entrare nella libertà emotiva fuori dal trauma multistrato che li ha trattenuti letteralmente per millenni.

RISVEGLIARE IL GUERRIERO EMOTIVO

È nella natura del vero uomo maturo essere anche un guerriero emotivo, in grado di provare anche le emozioni più profonde e oscure per trasformarle attraverso la forza della sua alchimia interiore, accettazione di sé e amor proprio.

Gli uomini hanno bisogno di apprendere le abilità e gli strumenti necessari per guarire e trasformare le proprie emozioni e per capire che l’autogestione emotiva è la chiave dell’autentico potere maschile.

Ho visto uomini che si stanno muovendo verso il loro archetipo di guerriero emotivo sedersi e singhiozzare per il loro dolore, mantenendo uno spazio per se stessi mentre lasciano che le emozioni si liberino. Riconoscono che stanno facendo un vero lavoro da uomini, non solo per se stessi, ma per il collettivo e per tutti i loro antenati.

RISVEGLIO DEL SERVIZIO MASCHILE SACRO

Una delle cose più potenti che un uomo può fare è ripristinare consapevolmente se stesso al suo vero ruolo di Maschile sacro: servire e proteggere il Femminile. Ciò si manifesta principalmente nell’essere al servizio della Madre Terra e dell’umanità.

Anche l’uomo ha bisogno di riscrivere il suo potere in relazione alle donne. Quando gli uomini guariscono se stessi e purificano la sofferenza e il trauma dei loro antenati, ripristinano la loro profonda energia divina di guarigione maschile, che è letteralmente progettata per agire come una luce nell’oscurità. L’energia sessuale dell’uomo è progettata per penetrare il mistero sessuale della donna con una luce sublime e creare la guarigione più profonda possibile. Questa è la vera espressione del potere maschile nelle relazioni uomo-donna.

Infine, l’uomo ha bisogno di capire che tutti i suoi poteri maschili di intelletto e manifestazione materiale sono al servizio della verità intuitiva più profonda della sua anima.

Liberandosi dalla schiavitù (N. d. R. quella che io spesso chiamo “emancipazione maschile”), l’uomo torna libero di essere fedele a se stesso e incarnare la leadership, la trasformazione e la guarigione che sono così necessarie al nostro mondo.”

– Testo inserito nel libro IL MASCHILE SACRO 2 


⇒ ⇒ ⇒ I MIEI LIBRI
(Femminile e Maschile; Fiamme gemelle, crescita personale, spiritualità, romanzi, downshifting, poesie…)

Per aiutarti: ARMONIZZAZIONE DELL’ANIMA

Il mio canale YouTube

(video su crescita personale, psicologia dell’inconscio, Femminile, Maschile)

—–> SITO: www.soniaserravalli.com

Visite: 786

Articoli simili

2 Commenti

  1. Molto interessante come sempre, mi chiedo come sia stato possibile per l’umanità sopravvivere con questi presupposti, intere generazioni sono cresciute a base di traumi quotidiani dal più piccolo al più grande e forse è perché ogni tanto qualcuno prende coscienza della propria essenza, come ad esempio tu, che non ci siamo già estinti….Riporti un po’ di equilibrio dai esempi ed un modello controcorrente che in alcuni casi stravolge tutto. Grazie di tutto sei una splendida donna quando ti ascolto, mi si accende qualcosa che mi ridà speranza, e mi apre delle porte che per molto tempo sono rimaste chiuse.
    Paolo

    1. Grazie di cuore Paolo!
      Mi chiedo anch’io come abbiamo potuto sopravvivere così, sia dal punto di vista psicologico che fisico…
      Il fatto che tu ti ponga questa domanda è segno di un grande risveglio. Una breccia verso un paradigma diverso.
      Sei già nel gruppo FB Il Maschile Sacro?
      Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *