fiamme gemelle

L’AMORE TRASCENDENTALE

COS’E’ SENZA FARE TANTO GLI “SPIRITUALI”

DAI DISCORSI SULLE FIAMME GEMELLE ALL’AMORE TRASCENDENTALE (Dal libro “Gemelli tantrici“)

“Tutto ciò che la cultura da cui proveniamo ha potuto trasmetterci è stato che tutto ha un inizio e una fine e che comunque tutto passa.

In questo caso, però, questa legge pare non funzionare.

La cosa ci lascia letteralmente basiti, al punto da farci preoccupare per la nostra salute mentale. Perché? Perché l’essere umano è un animale sociale, e se all’improvviso non si riconosce nella serie di norme di comportamento dei suoi simili, si sente “fuori dal branco” e inizia a temere di non essere allineato con gli altri, di avere qualcosa che non va.

Come dico sempre, è lecito provare di tutto e così noi occidentali abbiamo sempre fatto: c’è qualcosa di ignoto o di potenzialmente pericoloso o di scomodo?

Potare. Capitozzare. Estirpare. Insabbiare, avvelenare. Uccidere. Manomettere, sabotare. Fingere di non avere visto o sentito, guardare altrove. E comunque estirpare, estirpare, estirpare.

È un vero peccato, ma nell’esperienza umana tutto è lecito.

Fallo pure.

Non funziona.

E, nel caso specifico di cui stiamo parlando, non funzionerà mai. 

fiamme gemelle
Foto di Çiğdem Onur

Se siamo stati attraversati dall’esperienza umana/sovrumana dell’amore trascendentale, nessuno strumento potrà nulla contro questo tipo di energia – se così si può chiamare. Neanche la magia – anche se certe pratiche possono teoricamente rallentare le cose, separarcene illusoriamente, disperderci temporaneamente.

Ma un tipo di amore del genere va ben oltre ogni strumento nelle nostre mani, ogni nostra immaginazione e capacità di intendere e volere.

È allacciato direttamente a Dio (o a chiunque o qualunque cosa tu creda al suo posto) e da lì trae il suo nutrimento. È una pianta che potrai abbattere infinite volte in migliaia di vite, bruciarla, metterci su del sale. Non morirà.

È forse l’unica “entità” che puoi incontrare nella dimensione terrena che può dimostrarti che la morte non esiste.

In tutti gli altri casi, invece, tu credi nella morte perché la vedi e la percepisci come tale.

Ma se una forma di energia/sentimento/entità/esperienza non si cala nella terza dimensione come ha fatto tutto ciò che ci è noto, bensì si manifesta qui nella sua vera natura, quella essenziale, quella nudamente e letteralmente allacciata alla fonte divina universale, non ha bisogno di mostrati il passaggio-morte.

Ne è scevra. È un’espressione del “sempre”. È una cifra immutabile, perché fa parte della nostra stessa origine e se potesse mutare non saremmo qui.

Non ha potuto farlo dentro un singolo essere umano. È riuscita però ad arrivare qui integra in due, attraverso due di noi (due “poli”).

Iniziamo dunque a percepire quell’esperienza che ci portiamo dentro, e che non vuole e non può lasciarci, come una riserva di energia.

amore trascendentale
Foto di Meural Art

Si muove, pulsa, emana luce e calore, continua a vivere. Insomma: esiste!

Possiamo forse per sempre fare finta che non sia così? Solo perché nessuno le ha dato un nome finora oppure perché per qualche errore umano quei nomi ci sono stati nascosti o sono andati persi, o si sono fraintesi?

Lo so che è stata molto dura arrivare fin qui. Lo so che portarsi in giro un lascito del genere è un carico che ti ha fatto soffrire molto, da diversi punti di vista. Come minimo, sette.

  • Hai sofferto perché non potevi manifestarlo, in un’unione solida e sicura con la persona che te l’ha acceso.
  • Hai sofferto perché nessuno ti avrebbe capito.
  • Hai sofferto perché hai avuto paura di essere pazzo/a o malato/a.
  • Hai sofferto l’isolamento interiore e la solitudine, sia interiore che esteriore.
  • Hai sofferto per l’incognita di non sapere come ti saresti comportato in futuro, dopo questo.
  • Hai sofferto tanto per non avere avuto risposte – per alcuni per tantissimo tempo.
  • Hai sofferto perché, in molti casi, non hai nemmeno potuto condividerlo con la stessa persona che a tutto questo ti ha portato, colui o colei che l’ha attivato.

Ma, come dicevamo prima, le cose umane hanno tutte una fine e passano. Questo infatti è quello che succede anche a tutte queste fasi di dolore e di ombra.

Si elaborano, si trasformano e dopo averti permeato e attraversato e rivoltato per bene, se ne vanno. Ti liberano. Forse non lo sai, ma sei di nuovo morto e rinato.

Ed è lì che scopri la sorpresa. Scopri che quello che provavi per lui o per lei è rimasto intatto. Magicamente. Che non c’è stato tempo né distanza né spettro o ombra in grado di scalfirlo o spostarlo neanche di un millimetro. Nessuna delle esperienze che tu avresti voluto cambiare o vivere diversamente lo ha comunque danneggiato.

A quel punto però le fasi delle ferite, delle lotte, delle paure e degli spettri le hai già vissute ed elaborate e da ciascuna di esse hai imparato qualcosa. Non ci torni più dentro, non hanno più potere su di te.

E, guarda caso, a quel punto le risposte iniziano finalmente ad arrivarti.

energia spirituale
Foto di Antonios Ntoumas

LE SORPRESE DERIVANTI DALL’AMORE TRASCENDENTALE

Ti arrivano i testi giusti, ti si avvicinano persone che hanno vissuto la tua stessa esperienza (e quindi che la stanno vivendo, perché non passa), ti arrivano segni indubitabili senza che tu li ricerchi, iniziano ad infittirsi le sincronicità e inizi anche a vedere tutto il tuo passato sotto un’altra luce.

Come se non bastasse, mentre sei distratto a occuparti e meravigliarti di questo spettacolo mirabolante e sconosciuto, non ti sei ancora accorto, ma qualche tuo specchio te lo farà notare presto, che hai smesso di giudicare gli altri.

Che hai smesso di dare la colpa al caso o all’esterno per quello che ti capita, perché adesso ne riconosci i significati.

Scopri che hai iniziato a trattarti molto meglio.

Che ti immedesimi di più nel dolore degli altri e che stai imparando ad ascoltarli con il cuore.

Che il tuo stato d’animo si è fatto molto più stabile e che generalmente stai molto bene.

Che tratti meglio gli altri.

Che vedi e noti cose in più, che prima non vedevi.

Che ti senti appagato senza sapere il perché. E che chi ti sta vicino si sente rinfrancato dalla tua presenza e tende a cercarti per “ricaricarsi”.

Fai tutto con amore. Dal cucinare al fare la fila in Posta. Ti viene voglia di fare dei regali.

Potrebbe anche capitarti di accorgerti che apprendi le cose più in fretta, che comprendi concetti di registri che credevi non appartenerti o non interessarti, che scopri modi diversi per risolvere i problemi, che esci spontaneamente da un’abitudine per fare altrimenti.

Ami, e sai che nessuno potrà impedirtelo.

Che diavolo è successo?

Tu adesso sei portatore di una miniera di luce. Una fonte di energia quasi intoccata dalla nostra scienza per come la conosciamo. Una riserva di energia attiva di cui possono darci spiegazioni ed istruzioni, ad oggi, solo:

  • lo studio di scienze olistiche e mistiche più antiche, se siamo in grado di tradurre, traslare e adattare parabole, terminologia e simboli alla nostra epoca e al nostro caso;
  • la conoscenza profonda di noi stessi (dunque la nostra intuizione, il nostro sentire profondo e il radicamento nella nostra antica saggezza interiore personale e universale);
  • persone che stanno documentando la stessa esperienza attraverso i vari canali disponibili oggi e, forse, la fisica quantistica.

 

Detto tutto ciò, anche noi occidentali e anche noi moderni e contemporanei dovremmo iniziare a trattare questo fenomeno per quello che è. Una fonte di energia. E, come tale, utilizzabile, incanalabile, spostabile e trasformabile. Con gratitudine.

Mancando di una cifra o di un archetipo nostrano in grado di spiegare come utilizzare questa fonte (ad eccezione delle reminiscenze religiose sul fenomeno dell’“estasi”), mi avvarrò di quelli induisti – in particolare in questo caso della dea Radha, che incontrerai più avanti in questo libro.”

Dal libro “GEMELLI TANTRICI – Una terapia d’urto per l’amore disponibile alla comprensione”

—> Sto traslocando da Facebook a SFERO, seguimi qui!


Grazie a chiunque abbia contribuito finora scegliendo i miei libri o con una libera donazione per permettermi di continuare a divulgare (Donazioni e liberi contributi sono possibili qui: https://it.tipeee.com/soniaserravalli ) o tramite IBAN da richiedere o Paypal – su: sonia.rangers@gmail.com – o scegliendo uno dei miei libri qui sotto:

GLI ALTRI MIEI LIBRI QUI
(Femminile e Maschile; Fiamme gemelle, crescita personale, spiritualità, romanzi, downshifting, poesie…)

Per aiutarti: ARMONIZZAZIONE DELL’ANIMA

Il mio canale YouTube (Sonia Serravalli)

—–> SITO: www.soniaserravalli.com

(Questo blog è frutto di pura passione, canalizzazione e ispirazione dell’autrice, creazione di un’unica persona, con tutto il lavoro umano – pratico, vissuto, – il lavoro intellettuale di ricerca che esso richiede e le relative ore quotidiane dedicate alla scrittura.

Se hai trovato qualche articolo utile, se ne hai tratto qualcosa che puoi portarti via, una qualunque donazione in cambio può permettere all’autrice di continuare ad aumentare le proprie conoscenze e a diffondere benessere anche ad altri, attraverso la sua scrittura e le presentazioni. Qui potrai contribuire all’opera di Sonia. Grazie di cuore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *