Karma Nur May

RISVEGLIO

DI KARMA NUR MAY

La mia memoria si è persa dentro la forza luminosa delle tenebre, e distogliendo lo sguardo dalla luce che rabbuia il mondo è scomparsa tra le nere acque di un pauroso mare.

La mia memoria si è persa per raggiungere luoghi d’incanto e magia che profumano d’inganno. Tra riflessi d’ambra e sentori d’incenso si è risvegliata dal sogno per farsi regina di una conoscenza che contempla mille verità ma non reclama verità alcuna.

Ho vagato tra i dispersi infiniti di un assolato deserto, e, avanzando immobile, dal più potente dei richiami è giunta tra i giardini segreti di Damasco, silenziosa e pura fino all’anima.

Mi ha seguita fin qui, dove il respiro della terra quieta svela i suoi segreti. Solo a Ovest, dove la fine è un’accogliente porta d’entrata, osservando le nuvole al tramonto scoprirai che tutti i sogni e i luoghi incantati della terra assomigliano alla morte.
Il suo richiamo è qui, nella trama colorata del cielo che forma intrecci di fuoco come vorticose spirali di un mandala. Si nasconde fra le dune silenziose e il loro gioco di armonie segrete è nel suono del vento che avvolge con la sacralità salvifica di un canto.

volo sull'abisso

La morte è un luogo di libertà che spinge i viaggiatori all’esilio, mutevole e fiera figlia del silenzio, abbandono e visione, processo alchemico che tramuta l’ombra in luce nel disordine apparente che concilia gli opposti.
Era qui al crepuscolo, come un nemico di sabbia addormentato che custodisce sentieri d’amore e di paura.
Né bene né male, la morte è racchiusa qui, nel cerchio della vita, tra il sogno e l’attesa; è riflesso di un’immagine senza tempo venuta a mescolarsi col ritmo dell’universo.
La morte è là dove si ravvisano i segni del divenire e attecchisce il perdono.

Non distogliere lo sguardo dalla morte e dal suo inganno; seguila senza farti domande, così come accetti il profumo di un fiore o l’albeggiare di un fertile mattino. Chi non crede ai sogni e alla magia della vita non conosce né morte, né realtà, né conforto.

Solo dimenticando potrai morire e rinascere.

Non cambiare il mondo: diventa morte, e potrai raggiungere la tua parte immortale. Per scoprire il segreto dell’ignoto occorre attraversarlo, arrendersi alla grazia disarmati.

Tra mille anni cercherai di vederti attraverso i tuoi stessi occhi, o salverai dall’abisso colui che in passato dimorò nei tuoi giorni.

Dentro ogni morte c’è una vita che conosciamo, e figli che ci ameranno col cuore dei nostri padri; dentro ogni morte, il principio di un’unica coscienza universale e tanti, piccoli frammenti di assoluto, come indecifrabili germogli in cui si cristallizza l’amore eterno.

Che tu sia respiro del vento, riflesso degli astri notturni, ombra della mia assenza, mare calmo o scintilla divina, apri i miei occhi, e ovunque tu sia diretta portami con te verso un destino di irresistibile bellezza, che guidi le infinite possibilità del mio spirito verso la compassione perenne.

Percorrerò ancora molti sentieri aprendo varchi al di là del tempo. E nel miracolo di un momento estatico, mentre la gratitudine della vita si riapproprierà del suo mistero, nel mite bagliore di un raggio di sole avrò smarrito per sempre la via del ritorno.

Solo chi sottrae il suo cuore alla ferocia dell’ego e innalza templi all’eterno sa che la morte non muore né mai nascerà.

Karma Nur May

Tratto dal film documentario di Franco Battiato ATTRAVERSANDO IL BARDO (di cui consiglio vivamente la visione!)

IL RISVEGLIO è mgistralmente recitato qui da Alba Rohrwacher:

 


⇒ ⇒ ⇒ I MIEI LIBRI

Sonia Serravalli—–> SITO

ARMONIZZAZIONE DELL’ANIMA

Il mio canale YouTube

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *