abbraccio

LA MEDITAZIONE DELL’ABBRACCIO

COME PRATICARE LA MEDITAZIONE DELL’ABBRACCIO DI THICH NHAT HAHN

Niente riscalda il cuore come un abbraccio sentito.

Traduco qui di seguito un testo tratto dai discorsi di Thich Nhat Hahn sulla meditazione dell’abbraccio da lui messa a punto.

Buone pratiche e tanto calore al vostro cuore.

meditazione abbraccio
Foto di Gideon Putra

“Nel mio eremo ho piantato bellissimi alberi.

Quando pratico la meditazione camminata, spesso mi fermo e ne abbraccio uno, inspirando ed espirando. È molto nutriente.

L’albero mi dà forza e mi sembra sempre che l’albero risponda al mio abbraccio e al mio respiro. Un albero è sempre disponibile, ma non sono così sicuro di una persona!

Spesso non siamo davvero lì con le persone che amiamo. Ci lasciamo prendere da altre cose, come il nostro lavoro o le notizie in TV.

La meditazione dell’abbraccio è una pratica di consapevolezza. Se non siamo disponibili, come possiamo abbracciare qualcuno? Torniamo a noi stessi per diventare totalmente presenti e disponibili per l’altra persona. Se l’abbraccio non è fatto in questo spirito, è solo un rituale senza contenuto. Quando siamo consapevoli e presenti, abbracciare ha un profondo potere di guarire, trasformare e portare riconciliazione.

Quando ci abbracciamo, i nostri cuori si connettono e sappiamo che non siamo esseri separati.

Possiamo praticare la meditazione dell’abbraccio con un amico, nostro figlio, un genitore, il nostro partner o un albero. L’abbraccio può essere molto profondo.

La vita è lì. La felicità è lì. A volte l’abbraccio non è molto profondo e chi abbraccia fa solo finta di essere lì, forse dandoti una pacca sulla spalla – ne ho una certa esperienza!

Quando qualcuno ti abbraccia con tutto il cuore e la presenza, lo senti. Quando qualcuno ti prende le mani in consapevolezza, con la loro presenza, la loro preoccupazione, lo senti.

Quindi abbracci così, rendi la vita reale e profonda. Guarirà entrambi.

(Leggi anche “Il portale dell’amore”)

abbraccio
Foto di Ben Scherjon

Così ho inventato la meditazione dell’abbraccio.

Nel 1966, un’amica mi portò all’aeroporto di Atlanta e quando ci salutammo mi chiese: “Va bene abbracciare un monaco buddista?” Nel mio paese non siamo abituati a esprimerci in questo modo in pubblico. Ma ho pensato: “Sono un insegnante Zen. Non dovrebbe essere un problema per me farlo.”

Quindi, ho detto: “Perché no?” e lei mi ha abbracciato, ma ero piuttosto rigido. Più tardi, sull’aereo, ho deciso che se volevo lavorare con amici in Occidente, avrei dovuto imparare la cultura dell’Occidente. Ecco perché ho inventato la meditazione dell’abbraccio.

Abbracciarsi in pubblico è una pratica occidentale. La meditazione, la respirazione cosciente, è una pratica orientale.

I due si uniscono nell’abbraccio della meditazione. Penso che sia una buona combinazione. Affinché la pratica buddista sia radicata in Occidente, dovrebbero essere aperte nuove porte del dharma. Penso che la meditazione dell’abbraccio possa essere considerata una di queste porte.

La pratica dell’abbraccio consapevole ha aiutato tante persone a riconciliarsi tra loro. Quando ci abbracciamo, i nostri cuori si connettono e sappiamo che non siamo esseri separati. È un piacere abbracciare qualcuno che amiamo. Ma non pensare che sia qualcosa di facile.

Forse vogliamo abbracciare l’altra persona, ma essa non è disponibile: è presa dalla rabbia, dalle preoccupazioni o dai progetti. Abbracciare è una pratica profonda ed entrambe le persone devono essere completamente presenti per farlo correttamente. Ecco perché non è sempre facile.

Quindi, dobbiamo imparare come.

La meditazione dell’abbraccio è un’opportunità per praticare la nostra consapevolezza dell’impermanenza. Ogni volta che ci abbracciamo, sappiamo che potrebbe essere l’ultima volta.

La nostra profonda consapevolezza della natura impermanente delle cose ci ispira ad essere molto consapevoli e ci abbracciamo naturalmente in modo profondo e autentico, apprezzandoci completamente. Questa può essere una buona meditazione da praticare quando sei arrabbiato con l’altro.

Chiudi gli occhi ed esercitati a inspirare ed espirare per dare vita alla tua intuizione dell’impermanenza. Visualizza te stesso e la persona amata tra trecento anni. Dove sarai?

In quel momento, sai che l’unica cosa significativa da fare è aprire le braccia e abbracciare l’altra persona.

PRIMO PASSO

La prima cosa da fare è rendersi disponibili.

Inspirate ed espirate e tornate al momento presente, così sarete davvero lì. Quindi vai dalla persona che vuoi abbracciare e inchinati. Se ha praticato la consapevolezza, farà del suo meglio per abbandonare le cose che la possiedono e rendersi disponibile per te. Sorriderà e si inchinerà e saprai che la persona è disponibili.

Ora è possibile abbracciarsi. Stare uno di fronte all’altro con i palmi delle mani uniti, inspirando ed espirando tre volte.

Puoi dire in silenzio: Inspirando, so che la vita è preziosa in questo momento. Espirando, adoro questo momento della vita.

PASSO DUE

Prendi la persona tra le tue braccia. Mentre la abbracci, respira consapevolmente e abbraccia con tutto il tuo corpo, spirito e cuore.

Mentre tieni l’altra persona, essa diventa reale e anche tu diventi reale. Puoi dire in silenzio qualcosa del genere: Inspirando, la persona amata è tra le mie braccia. Espirando, sono così felice.

Inspirando, è viva. Espirando, è così prezioso essere vivi insieme.

Inspirando, è così meraviglioso averla tra le mie braccia. Espirando, sono molto felice.

Puoi quindi rilasciare l’altra persona e potete inchinarvi a vicenda per ringraziarvi.”

 

(Queste istruzioni sono estratti parafrasati dai discorsi sul dharma di Thich Nhat Hanh)


Se vuoi sostenere la mia scrittura, vai a vedere qui il mio profilo su Tipeee

⇒ ⇒ ⇒ I MIEI LIBRI (Fiamme gemelle, viaggi per il mondo, spiritualità, poesie, romanzi, downshifting…)

Per aiutarti: ARMONIZZAZIONE DELL’ANIMA

Il mio canale YouTube

—–> SITO

www.soniaserravalli.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *