migliora l'autostima

BASSA AUTOSTIMA – L’AUTOSABOTAGGIO NASCOSTO

BASSA AUTOSTIMA, BASSA QUALITA’ DI VITA

Una bassa autostima non è un problema da poco, in quanto essa può ostacolare nella persona sane e soddisfacenti relazioni con gli altri (il che è un po’ alla base di qualunque nostra esperienza) e bloccare la propria realizzazione personale, qualsiasi tipo di percorso di crescita personale e l’energia di abbondanza e denaro.

autostima
Foto di Sam

Una bassa autostima può anche dipendere da uno sviluppo insufficiente del primo chakra (l’“io sono”), o da un suo calo energetico – e, a sua volta, un primo chakra non libero e sano porta una bassa autostima (inconsapevolezza del proprio valore) nella persona interessata.

Oggi vado a condividere con te un nuovo scritto di una mia Maestra spirituale, Teal Swan, che con il suo linguaggio sempre analitico e cristallino ci conduce a scandagliare ogni ombra di una bassa autostima e delle sue conseguenze.

Buona lettura.

autostima e consapevolezza
Foto di Avi Chomotovski

IL MODELLO DI DEPREZZAMENTO NASCOSTO

“La bassa autostima porta a tutti i tipi di schemi subconsci che sono dannosi per se stessi e per gli altri. E uno dei modelli più dannosi che deriva dalla bassa autostima è il modello di deprezzamento nascosto (o di disprezzo nascosto).

Quando la nostra consapevolezza di sé è bassa, non cadiamo solo nel comportamento di non riconoscere il valore, la bontà, il potenziale, la virtù, l’eccellenza, la grandezza, il potere, la superiorità, il merito, l’importanza e il significato di noi stessi.

Di solito cadiamo anche nella trappola di non riconoscere queste cose nelle persone, nei luoghi e nelle cose che sono esterne a noi.

Questo accade non solo come una sorta di proiezione di ciò che proviamo per noi stessi, nel mondo. Succede anche come meccanismo tossico di protezione.

Quando ci sentiamo male con noi stessi, riconoscere il valore delle altre cose, in particolare il valore delle altre persone, ci fa sentire ancora peggio con noi stessi al confronto. E così, andiamo a lavorare inconsciamente o consapevolmente disprezzando tutto ciò che ci circonda, in modo da poterci sentire meglio con noi stessi.

In poche parole, il modello di disprezzo nascosto è quando la bassa autostima induce una persona a svalutare tutto il resto.

Ma ci sono due lati di questa medaglia, e solo uno di questi lati tende a essere riconosciuto. Cominciamo dal lato più facile da riconoscere. E consideriamo questo il lato attivo della medaglia:

bassa autostima
Foto di Sasin Tipchai
  1. Poiché una persona si sente male con se stessa, trova modi attivi per svalutare, sminuire, ridimensionare, squalificare, ridurre, sottovalutare, negare, denigrare, screditare, minimizzare, sfottere e sgonfiare qualcosa o qualcuno per sentirsi meglio con se stessi e il proprio valore.

Il secondo lato della medaglia, è il lato passivo della medaglia. Ed è così inconscio che la maggior parte delle persone non lo vede nemmeno.

  1. Poiché una persona si sente male con se stessa, disprezza le cose con cui entra in contatto, in virtù dell’associazione con se stessa. In sostanza, se qualcosa è associato a loro, non possono più pensarlo bene o percepirlo come positivo.

Il modello di disprezzo nascosto è un modello che garantisce il fallimento e anche la miseria di una persona.

Questo schema estrae una persona dalla realtà, perché fa sì che una persona non sia più in grado di vedere il valore, la bontà, il potenziale, la virtù, l’eccellenza, la grandezza, il potere, la superiorità, il merito, l’importanza o il significato di qualcuno o qualcosa.

Questo schema distrugge le relazioni e porta una persona alla solitudine. Questo modello migliora ulteriormente la bassa autostima perché quando le persone lo adottano, fa sì che non piacciano alle persone e quindi rafforzano l’idea di non essere apprezzate.

Questo è uno schema che tutti dovrebbero avere sul proprio radar.

L’intenzione dietro ogni pensiero, parola o azione che appartiene a questo modello è una: svalutare qualcosa o qualcuno in modo che la persona che lo svaluta si senta al di sopra di loro, o meglio con se stessa in qualche modo.

È un gioco a somma zero in quanto è una perdita per una vittoria. Per questo motivo, il modo per riconoscerlo è quello di sottoporre qualsiasi pensiero, parola o azione al controllo di che intenzione vi è dietro.

Il MOTIVO che sta dietro una persona che pensa ciò che sta pensando, dice ciò che dice o fa ciò che sta facendo, è tutto. Ed è qui che va posta l’attenzione.

Sia l’espressione attiva che l’espressione passiva del modello di disprezzo (o deprezzamento) nascosto sono difficili da riconoscere, perché di solito, invece di riconoscere ciò che sta realmente accadendo, la maggior parte delle persone sperimenta solo il dolore di essere svalutata. Così le persone cominciano di conseguenza a dubitare del proprio valore, bontà, potenzialità, virtù, eccellenza, grandezza, potere, superiorità, merito, importanza e significato.

Quando qualcuno dice o fa qualcosa che ti fa sentire svalutato, sminuito, ridimensionato, squalificato, ridotto, sottovalutato, negato, denigrato, screditato, minimizzato, denigrato o sgonfiato a causa di ciò che qualcuno ha detto o fatto, chiediti PERCHÉ lo ha fatto. Qual era lo scopo dietro questo comportamento. E, se puoi farlo, dovresti spingerti anche oltre e porre questa domanda direttamente alla persona interessata.

Per darti solo un piccolo assaggio di cosa intendo, chiedi loro cose come:

“Qual era lo scopo di dirmelo?” Oppure “Nella tua mente, c’era qualcosa di costruttivo nel dirmelo?” O “Quale volevi che fosse il risultato di dire questo?”. Oppure, “cosa volevi che io ricevessi da questo?” O: “Qual è la ragione per cui il tuo comportamento è cambiato dall’essere così entusiasta di X ad essere così sconsiderato nei confronti di X”? eccetera.

Più specifica è la domanda per la situazione specifica in cui ti trovi, meglio è.

Se una persona ha avuto una ragione costruttiva per dire quello che ha detto o per fare quello che ha fatto, sarà in grado di dirti di cosa si tratta. In qualunque situazione ti trovi, fai un brainstorming di domande mirate che spingano la persona ad affrontare e ammettere il motivo dietro le sue parole o azioni.

Qualsiasi domanda che punga o faccia luce sullo scopo dietro ciò che stanno facendo o dicendo, rappresenta un’interruzione e un disinnesco di questo schema. E lo stesso vale per te, se sei tu stesso intrappolato in questo schema.

Quando pensi o dici o fai qualcosa che ti fa sentire più grande o migliore o più sollevato perché svaluta, sminuisce, squalifica, riduce, sottovaluta, nega, scredita, minimizza, denigra, svilisce o sgonfia qualcuno o qualcos’altro; fai luce sul PERCHÉ hai detto quello che hai detto o hai fatto quello che hai fatto.

Qual era il tuo scopo dietro tutto ciò? Quale volevi che fosse il risultato? Assicurati solo di essere onesta, piuttosto che trovare una scusa per preservare il concetto di te stessa. 

Non c’è nulla di costruttivo in questo modello. Non è destinato a servire uno scopo utile e benefico o creare un risultato positivo per la persona dall’altra parte.

Esso si attiva quando una persona sente una tale povertà di autostima da cercare di rubare un senso di valore, bontà, potenziale, virtù, eccellenza, grandezza, potere, superiorità, merito, importanza o significato, strappandolo via da un’altra persona o un’altra cosa.”

L’articolo integrale si trova, in lingua originale inglese, QUI.


GRAZIE

 A chiunque abbia contribuito finora scegliendo i miei libri:

  

 

GLI ALTRI MIEI LIBRI QUI
(Femminile e Maschile; Fiamme gemelle, crescita personale, spiritualità, romanzi, downshifting, poesie…)

Per aiutarti: ARMONIZZAZIONE DELL’ANIMA

Il mio canale YouTube (Sonia Serravalli)

—–> SITO: www.soniaserravalli.com

Visite: 680

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *